Salmo 1-4 di Barcellona: obiettivi e momenti salienti. Mbappe è ottimo: è una tripletta, anche Kane fa gol

Barcellona 1-4 Paris Saint-Germain (Punti salienti)

Piattaforma 27 ‘. Messi (M), 32 ‘, 64’ E85 ‘Mbappe (terra), 70’ Ken (terra)

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen Dest (71 ‘Mingueza), Piqué (79’ Puig), Lenglet, Jordi Alba; De Young, Busquets (79 ‘Pjanic), Pedri (79’ Trinkau); Dembele, Messi, Griezmann (85 ‘Braithwaite). tutti. Dai

Paris Saint-Germain (4-3-3): Navas. Florenzi (89 ‘Kehrer), Marquinhos, Kimpembe, Kurzawa; Gueye (46 ‘Herrera), Paredes, Verratti (73’ Draxler); Ken (85 Danilo) Icardi Mbappe. tutti. Pochettino

Ammonite: Aerea (P)

Fenomeno Mbappe. Nella casa di Leo Messi, La precedente creatività dei palloncini è diventata ufficiale, molto semplicemente, un miracolo. Miracolo. semplicemente fantastico. dominante. Tre gol al Camp Nou nella fase a eliminazione diretta, non segnati da nessuno. E c’era solo un altro giocatore nella storia della UEFA Champions League, ventiquattro anni fa, Andrei Shevchenko. E non solo: 111 gol al Paris Saint-Germain, il che significa che a soli 22 anni è terzo di tutti i tempi nella storia di tutti i marcatori, e il suo decimo gol nella fase a eliminazione diretta (solo due francesi hanno segnato meglio, Henri e Benzema). Ma soprattutto sembrava a tutti gli effetti e finalità della consegna. Messi segna, ma la superstar è il fenomeno Killian. Punta di diamante del Psg senza Neymar ma Corral. Superbo passaggio di Verratti, Florentzi ha messo la mano sul 2-1. Kane gioca molto bene e segna gol. Attenzione alla rimonta, già nel 2017 il Paris Saint-Germain ha segnato quattro gol contro i catalani solo per sottomettersi nel famoso 6-1 del ritorno, ma è stato un altro Barcellona. Oggi sembra essere la fine di un ciclo.

READ  Possibili restrizioni fino a Pasqua

la partita

Formazioni ufficiali. Pochettino ha scelto 433 persone: i suoi due grandi assenti, e soprattutto Neymar, ma anche Di Maria. Gioca dopo Icardi In attacco, con Kane e Mbappe vicini all’ex Inter. Needle for Balance di Verratti: dentro centrocampo a 433 o anche più alto, attaccante del centrocampista a 4231. E c’è un altro italiano in campo: Florenti a destra. A Barcellona la grande rimonta è il ritorno della bandiera EffettiAssente dalla fine di novembre. Tre mesi. Tridente contro i francesi con due francesi: Griezmann e Dembélé, insieme all’inevitabile Leo Messi, anch’esso al centro delle indiscrezioni di mercato, diviso tra i sempre indossati blaugrana, ed eventualmente i colori del PSG del futuro. Kuman ha mandato Pjanic in panchina (solo cinque all’inizio di quest’anno nella Liga, ma sei su sei su 1 nel girone della UEFA Champions League). De Young, Busquets e Superstar Pedri sono i centrocampisti.

giocare. Ready & Go è uno spettacolo istantaneo (sorpresa?), Due gol e tante occasioni. Cominciamo con i momenti chiave: Messi apre dal dischetto, ma Mbappe lo recupera subito con un 1-1 in regione sul genio di Verratti (Esilarante aiuto dall’estero). Tra l’altro: Icardi ha sprecato solo contro Ter Stegen in 19 minuti, Dembele ha fatto lo stesso contro Navas sessanta secondi dopo aver firmato il 20 ° della stagione di Lionel. 1-1 ancora mano nella mano tra i capelli per i tifosi sul divano: Ter Stegen è un miracolo su Kurzawa in diagonale (35 min), e Griezmann sfiora la colonna in fase di riprese sul fronte opposto (38). un vantaggio? Niente affatto: nella seconda metà del tempo Icardi ha provato a far passare Drogba di testa sul palo in prossimità di un calcio d’angolo: palla fuori (44 ‘). E l’intervallo di tempo.

READ  Dpcm è una novità a dicembre, quindi Corriere.it comincerà a bandire il Natale e la navigazione regionale

Nella ripresa un cambio immediato: Jay viene eliminato, riservato ea rischio di vampate più volte nel primo tempo. Entra Herrera. Kane (il suo gioco è ottimo) ci prova subito, poi suda un raffreddore al PSG quando Messi si avvicina con una punizione dal limite (ostacolo). Poi? In modo significativo Mbappe. Al 64 ‘Florenzi scappa sulla destra, la palla è in mezzo, alla deriva e più del suo gol. E così via Ken: Un doppio colpo da un atterramento tecnico al 70 ‘ha rovesciato i catalani. Koman prova a nascondersi con un triplo cambio: Puig, Pjanic e Trinkau di Piqué, Busquets e Pedri. Griezmann è vicino al gol ma solo per un errore di Navas che rischia di incassarlo in maniera massiccia in posticipo. Così Braithwaite e Danilo in campo, ma brilla ancora il fenomeno numero 7 in maglia. Un contrattacco guidato da Draxler, aiutato da W. Terzine. Se il pubblico fosse stato lì, sarebbe stato un caloroso benvenuto.

Written By
More from Arzu

Il primo giorno in Veneto con meno ricoveri Anestesia contro Arcuri | Distretti nel governo: una rassegna di 21 insegnanti donne

17 novembre 2020 13:20In questo momento Critica questa classificazione del commissario straordinario:...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *