“Questo è un test fai-da-te per vedere se sei positivo.” Risultato dopo 90 secondi …

Punto stampa Zaia 16 novembre

Durante il briefing di oggi, lunedì 16 novembre, sui progressi compiuti nell’epidemia di Covid-19 in Veneto, il Presidente Luca Zaia, insieme al Dott.Roberto Rigoli, Coordinatore di Microbiologia Quattordici a Venezia e Vice Presidente dei Microbiologi Italiani, introduce il cosiddetto test Do It Yourself. .

“Penso che l’esperimento possa essere eseguito rapidamente, in due settimane al massimo. Stiamo già lavorando a questo progetto da almeno tre mesi ”, ha detto in mattinata Zia ai microfoni” 24 AM “di Radio 24. Abbiamo seguito – ha aggiunto – realizzando un tampone” fai da te “, delle dimensioni di un batuffolo di cotone, che poi ha il suo rilevatore, utilizzando” Il solito “sapone”. Abbiamo già iniziato a sperimentare il doppio striscio molecolare nei pazienti. Sta già dando risultati incoraggianti e ora è tutta una questione di esperienza. I pazienti ci sono e abbiamo la massa critica per farlo “.

Quartiere

Pressione negli ospedali

“Sono più di 2.300 le persone all’ospedale Covid. Il numero dei pazienti non Covid in Veneto è di circa 8.000. Siamo sotto pressione, non poco. Stiamo ancora seguendo la questione dell’aumento dei posti letto per non essere in difficoltà”.

Le nuove procedure stanno funzionando

“Il bilancio del primo weekend è stato positivo con le nuove regole. Il decreto è riuscito, per trasferire il 75-80%. I cittadini hanno sentito l’appello per evitare le riunioni. Facciamo questo sforzo, vogliamo restare nella zona gialla “.

Fai tu stesso il test, il test dal vivo

“Il grande merito va al dottor Rigoli. Non abbiamo scoperto nulla di nuovo, ma siamo stati i primi a valutare questo tipo di test. Vedrai che entro un mese ci saranno dozzine di aziende pronte a proporre questo tipo di test sul mercato “.

READ  Il primo giorno in Veneto con meno ricoveri Anestesia contro Arcuri | Distretti nel governo: una rassegna di 21 insegnanti donne

Zaya ha mostrato, in diretta, il nuovo test diagnostico per il virus Covid. “È molto semplice, ve lo mostro adesso”, ha detto il governatore ai giornalisti, aprendo il kit con il sapone e la provetta con il rilevatore e il tampone per inserirli nelle cavità nasali con cinque piccoli movimenti. Tra l’operazione e il risultato negativo del test è passato un minuto e mezzo.

Rigoli, alta affidabilità

Interviene il dottor Roberto Rigoli, coordinatore della sperimentazione fai da te in Veneto. “L’affidabilità e la sensibilità del test sono notevoli. In realtà abbiamo effettuato 3.486 scansioni con un’affidabilità del 99%. Penso che questo test potrebbe segnare una svolta: più persone testiamo, più possiamo isolare il virus. Immagina, perché il costo è così basso, bar, palestre, ristoranti e tutte le attività sono ora soggette a restrizioni ”

“Ne faremo uno Esperimenti che coinvolgono cinque microbiologia (Compresi Vicenza e Santurso) Con 200 test “duplicati” con
molecolare. Verranno iscritti due gruppi: uno al pronto soccorso, che ha maggiori positività, e l’altro tra lo staff Ulss. Ottima opportunità per fare un test dei dipendenti. Il test di sensibilità del metodo è alto. “

Questi sono gruppi cinesi, Abbiamo lavorato insieme per rendere il test più facile e più utilizzabile Per il soggetto che gestisce lui stesso. Altri se ne stanno andando ora, in America, e la Germania probabilmente li includerà nel suo piano di sanità pubblica. Sono poche settimane per vederne altri sul mercato. Il nostro ruolo a Treviso è il ruolo dei “lavoratori” sui tubi che collegano. Abbiamo risolto alcune cose che erano complicate. Ora l’operazione è l’esperienza della sensibilità e della specificità, poi tutto prende il percorso della Stazione Spaziale Internazionale, che condurrà i test ”.

READ  Federica Pellegrini è contagiata dal Coronavirus. Pubblicità in lacrime in un video sui social media: "Ho bisogno di competere ..."

Provalo tu stesso, cambierà l’oggetto del monitoraggio

“Con il test fai da te si aprono fantastici scenari, soprattutto per quanto riguarda la tracciabilità. Certo, se fossimo in Giappone, forse sarebbe naturale informarci se fossimo positivi. È necessario capire che quando una persona ha il test “Fai da te”, non solo conserva il destino della sua vita, ma anche quello della società ”, ha spiegato Zaya. Se si scopre che qualcuno lo fa è positivo, cosa dovrebbe fare? Ha aggiunto che il vero problema è il monitoraggio biologico. Se questi prodotti si diffondono, tutti potranno testare e la tracciabilità svanirà un po ‘: chiunque verrà testato deciderà se isolare, andare dal medico o qualcos’altro. Tutto si basa sul senso civile. Ma evita di dare una “lezione” sul fatto che non ci sarà alcun controllo; “Questo vale davvero per la persona che esegue la scansione molecolare e poi non resta a casa”.

Leggi anche

Test Covid, fai da te: le prove si svolgono in Veneto. Rigoli: “Rivoluzione. costo? Tre euro a testa

Written By
More from Arzu

Pirlo: “Dybala, domani tocca a te”

Torino – Alla vigilia di Juventus-Verona, quattro giorni prima di Juventus-Barcelona. Se...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *