Pirlo dipinge un quadro perfetto

Andrea Pirlo ha presentato un quadro perfetto, sia in preparazione alla partita, il miglior avversario per la Juventus in campo, sia nell’analisi post partita per spiegare la prestazione che è stata positiva per novantatre minuti e negativa per uno solo, ma che è bastata per perdere due punti e dare la sensazione negativa di una partita che avrebbe potuto essere Punto di svolta critico. Ma no, ci sarà ancora un’attesa.
Certo, alla Lazio mancavano alcune pedine, ma a dire il vero alla Juventus mancavano tante: Chiellini, de Licht, Chiesa. Alex Sandro, Ramsey, solo per citarne alcuni.

Pirlo ha dipinto il quadro perfetto dopo la partita: “Abbiamo giocato bene, non ci hanno mai tirato in porta, non c’erano segnali di pericolo, ma tornei e partite si vincono curando ogni dettaglio. Gestire la palla negli ultimi dieci secondi, capita di poterlo fare. Sui gol. Siamo soddisfatti del gioco e non del risultato. Se hai la giusta mentalità, la voglia di controllare il gioco, e gestire ogni piccola situazione in campo puoi farlo. Con atteggiamento negativo sono riuscito a fare brutte prestazioni. Hanno dimostrato di saper giocare queste grandi partite, si vergognano del risultato, perché sicuramente ci meritiamo qualcosa di più, non c’è cattiveria, voglia di ottenere questo tipo di risultati, per vincere tornei non devi rinunciare a ogni secondo e minimo dettaglio, questo è ciò che ti rende speciale. L’abbiamo fatto nella maggior parte delle partite, molto male negli ultimi dieci secondi perché non abbiamo tirato nessun tiro in porta, quindi non è stato nemmeno un avvertimento sulla possibilità di ricevere gol “.

READ  “Sono fiducioso che la curva diminuirà e oggi stiamo determinando le regioni. A dicembre, per non ventilare ".

i dettagli – Quello che mancava alla Roma sono i dettagli, la cura nel concludere la partita, il male nell’impedire alla Lazio di arrivare alla fine negli ultimi secondi, poteva e doveva andare meglio, con un errore, con più pressione e ora forse si tratta di vincere il ruolo. Alla fine dobbiamo ancora aspettare, siamo soddisfatti di non perdere ancora, ma per quanto riguarda lo scudetto non lo neghiamo, ci vorrà di più.

Clicca qui e segui Massimo Pavan su Twitter per interagire con Massimo sulle ultime notizie di Mercato e sulla Juventus

Written By
More from Arzu

Sviluppo sostenibile, il rapporto di Asvis con Conte, Di Maio e Gentiloni – Diritti e uguaglianza

Foto “La prima sfida è sconfiggere Covid con la ricerca medica, accelerare...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *