“Non sono marcio”

New York – Pandemia, razzismo, ambiente, migrazione. Donald Trump H Joe Biden Si sono affrontati a Nashville, in un TennesseePer il secondo e ultimo dibattito prima della votazione del 3 novembre. Guidato da una mano ferma da un giornalista della NBC Kristen Wilker, I concorrenti erano molto più disciplinati ed efficaci di quanto non fossero stati nel primo dibattito a Cleveland.

Trump Biden, sono Schiavi

Soprattutto, il presidente sembrava più civile rispetto a tre settimane fa, forse per il fatto che quando ha superato il tempo concesso, il suo microfono è stato automaticamente disattivato. Questo non vuol dire che non ci siano stati momenti di vitalità e tenacia in particolare, ma alla fine tutti hanno convenuto in un modo o nell’altro che Trump ha fatto del suo meglio, e che Biden è riuscito a tenergli testa in modo convincente anche se almeno otto volte durante la serata, poteva sentire Ha brevemente ricaduto la balbuzie che aveva sofferto fin dall’infanzia.

Come affermato nei titoli del New York Times, era anche chiaro che i due uomini avevano “una visione completamente diversa dell’America”. Trump ha cercato di apparire di nuovo come un outsider, come ha fatto nel 2016, e ha ripetutamente accusato Biden di non essere altro che un “politico”, “parlando e facendo promesse, dopo che era al Senato e poi vicepresidente e poi non ha fatto nulla”.

Bolsonaro: “spero che Trump vinca con tutto il cuore”

USA 2020, Obama spinge gli americani a votare

Il vaccino

Il presidente ha iniziato la serata con il solito elenco dei suoi presunti successi: “Tra poche settimane ci procureremo il vaccino e lo distribuiremo dall’esercito”, “Stiamo voltando l’angolo con l’epidemia, siamo abituati a conviverci, stiamo facendo molto bene, il 99,9% dei giovani si sta riprendendo”, “Dobbiamo” Riapertura, New York è diventata una città fantasma. “Biden ha risposto freddamente:” Non stiamo imparando a vivere, stiamo imparando a morire! “” Chi permette la morte di 240.000 americani non merita di essere presidente! “

READ  X Factor 2020, eliminando drasticamente l'oscurità. Manuel Agnelli è deluso: "È un grande fallimento"

Accusalo

Trump si è riscaldato nel corso della serata, puntando ripetutamente il dito contro Biden, accusandolo di corruzione e collegandolo agli affari di suo figlio Hunter in Ucraina. Biden era chiaramente preparato ed era risoluto: “Non ho preso un solo centesimo da un paese straniero, ho fatto il mio lavoro in modo impeccabile, niente fuori posto. Ho reso pubbliche le mie tasse negli ultimi 22 anni. Perché non rendere pubblica la tua immagine”. Ma troppo spesso Biden ha scelto di ignorare gli attacchi di Trump, parlare direttamente alla TV e parlare agli elettori, come ha fatto quando ha ammesso che il Crimes Act del 1994, di cui lui stesso era sponsor di quella legge, aveva l’effetto di imprigionare un numero enorme di giovani. Persone di colore, spesso per crimini non violenti: “È stato un errore, non lo sapevamo allora, ma ho capito che non possiamo imprigionare qualcuno solo per uso di droghe, dobbiamo invece aiutarlo a guarire”.

Razzismo

A differenza di Trump, Biden ha ammesso che esiste “il razzismo istituzionale negli Stati Uniti, e non importa se guadagni $ 300.000 all’anno o se vivi al di sotto della soglia di povertà, se sei un afroamericano hai paura di essere fermato dalla polizia”.

ambient

Ci sono anche diverse posizioni sull’ambiente. Trump difende il petrolio ed è orgoglioso dell’indipendenza energetica che gli Stati Uniti hanno occupato sotto la sua presidenza. Biden non solo chiede uno svezzamento graduale del petrolio, ma chiede anche finanziamenti per l’energia solare ed eolica, “offriranno posti di lavoro ben retribuiti”.

READ  "Questo è un test fai-da-te per vedere se sei positivo." Risultato dopo 90 secondi ...

Obama Kerr

Poi Trump ha insistito affinché l’Obamacare venisse abolito e sostituito con “una bellissima nuova assicurazione”, una promessa che ha continuato a ribadire dalla sua elezione, ma non ha mai offerto una legge alternativa. Poi ha accusato il presidente Biden di volere “la salute pubblica, che obbligherebbe 180 milioni di persone che hanno un’assicurazione privata, e ne sono felici, a rinunciarvi”. Biden ha preso in giro Trump, indicando che lo ha scambiato per il socialista Bernie Sanders: “Non sai chi stai combattendo, io sono Joe Biden, voglio solo assicurarmi che tutti siano assicurati, e l’assicurazione medica è un diritto, non un privilegio per chi se lo può permettere”.

USA 2020, Trump: “Sono immune al vaccino che stiamo usando”

video

Immigrazione

Ma forse il momento più caldo della serata è l’emigrazione. Solo ieri il governo federale ha ammesso che 545 bambini separati dai genitori immigrati al confine sono orfani di fatto, in quanto le loro famiglie non sono più rintracciabili. Biden, che ha promesso una legge per regolare l’immigrazione illegale, ha descritto la condizione dei bambini come un “atto criminale”. Trump si è difeso male qui, cercando di dire che questi bambini comunque “sono ben curati e tenuti in ambienti molto puliti”.

Diversi commentatori in seguito hanno indicato che questa dichiarazione è stata la cosa più odiosa e memorabile che il presidente ha detto la sera. Visto il gap che Trump sta attualmente vivendo nei sondaggi, non sembra che il dibattito di ieri sera diventerà un fattore decisivo per la sua salvezza e vittoria nella gara finale. Il fatto che abbia messo in campo una prestazione più convincente non sembra sufficiente a riportarlo indietro di oltre dieci punti. E sebbene Biden non fosse particolarmente abile, si è comunque difeso molto bene e ha chiarito.

READ  La cura Pfizer è fragile. L'Italia manca di un piano

Insomma, il dibattito non sembra aver cambiato le carte in tavola, anche se tutti quelli che lo hanno seguito hanno tirato un sospiro di sollievo rispetto a quanto accaduto a Cleveland: “Questa volta ho potuto sentire tutto, ogni parola!” La prima reazione felice è stata l’ex governatore della Carolina del Sud Mark Sanford, ora commentatore repubblicano sulla CNN.

video

Covid, coprifuoco milanese in corso in tutta la città: foto del centro

Intelligence: “Iran e Russia sono dietro le minacce via email a chi vuole votare per Biden”

Ultimo aggiornamento: 06:55


© Riproduzione riservata

Written By
More from Arzu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *