Napoli, sui social, ribellata dalle masse: ‘fuori Gattuso’

Quattordici mesi prima della rivolta contro Ancelotti, l’ormai sconfitto Verona ha causato disaccordi all’attuale tecnico: “Se non puoi, allora vattene”. C’è chi pensa a Sari e Benitez e chi lo perdonerebbe: “Diamo loro tempo”.

Il Napoli dal Verona inedito scatena i tifosi. Nel girone in cui il Milan si è fermato e il terzo posto potrebbe essere potenziato, Gattuso ha ingannato un gol veloce di Lozano e poi è crollato davanti alla squadra di Joric. La paura di un’altra stagione grigia e dell’ignoto è prevalente ed è logico che sui social media scoppino commenti. Dall’hashtag #gattusoout al gattuso dentro o fuori le urne? Non mancano le opinioni più stravaganti.

“Renault è abbastanza”

In un momento di rabbia, però, il tecnico diventa un capro espiatorio Dopo la gara, Gattuso si è assunto tutte le responsabilità Commenti come: “Basta, di nuovo con questa storia di Poison. Se non puoi, smetti”. A nulla serve che Calabria sia un uomo di carattere che non abbandona la barca in questa fase: “Dobbiamo buttarlo fuori prima che sia troppo tardi e anche questa stagione non brucia”. Vincere la Coppa Italia a giugno è un ricordo sbiadito. Non convince l’approccio tattico: “Dobbiamo tornare subito al 4-3-3, a centrocampo non resiste. Non si può entrare in difficoltà con nessuna squadra”. E ancora: “Basta con queste corsie secondarie e costruire dal basso, dobbiamo essere più verticali”. C’è persino chi lo chiede di andarsene: “Dici sempre di essere un uomo tutto intero e poi ti arrendi e te ne vai che hai fallito”.

Sari sogno

Strano a dirsi, dopo il “tradimento” della Juventus, ma in molti casi il ritorno di Sari, che non ha una precondizione, prevede: “Almeno ci siamo goduti e goduto del rispetto a tutti gli effetti”. La nostalgia prende il sopravvento, citando anche Benitez che ha recentemente concluso la sua esperienza in Cina con Dalian. Anche se qualcuno fa appello all’orgoglio del presidente: “Come ha preso Ancelotti, adesso porta Alegre”.

READ  La nuova Ferrari si chiamerà SF21. Sainz: "Leclerc e io siamo alleati"

Non solo “fuori” anche “dentro”

Ma senza fare un conteggio preciso – in questo momento, è ovvio, che sui social sono più presenti le persone antipatiche – in alcuni sondaggi sulla posizione del tecnico non manca ‘l’interno’: ‘Ma se De Laurentiis è sempre lui La persona che sbaglia non è un problema dell’allenatore “. E ancora: “Da molto tempo non ha gli attaccanti più forti, diamogli tempo adesso per sistemare la squadra”. Ecco chi “esonera” Gattuso incolpando la squadra, ma soprattutto la società e il suo presidente: “Non ha comprato i difensori giusti e non c’è collegamento tra centrocampo e attacco come Ilicic”. A parte gli allenatori, le cose non sono cambiate a Castel Volturno. Poi c’è un po ‘di sano realismo: “Tutti parlano di allenatori ma chi ospitate adesso? Allenatori importanti chiedono stipendi che De Laurentiis non pagherà, Sari compreso”. Sono passati 14 mesi dalla ribellione con Ancelotti nel novembre 2019 e sembra che il Napoli sia tornato in quel buco nero.

Written By
More from Arzu

Inter vola, ma attacco a Terra: due eliminati, Conte preoccupato | prima pagina

Come nella mano sfortunata di Monopoli, non c’è riposo per Antonio Conte,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *