Mercato subito! Renault, Mauro e Chico power

Chi ora sa che questo è possibile. Chissà, dopo l’abbondanza di un terzo del campionato in testa, battendo un record dopo l’altro, sconfiggendo infortuni, assenteismo, traversa, vincendo partite dirette e indirette, segnando due gol in ogni partita per mesi di fila, respingendo assalti e sorpassi da destra a sinistra. Sopra e sotto, anche i milanisti più scettici sono convinti che si possa fare: lottare per lo scudetto non vuol dire che il Milan lo vincerà, ma se dopo 14 giornate l’obiettivo principale in primis non è difenderlo, allora lui è al primo posto, significa non saper pensare In modo significativo. I rossoneri sono una sorpresa anche per chi cerca di capire e analizzare le cause di questo travolgente viaggio: oggi sono +7 alla Roma terza, +8 al Sassuolo, +9 al Napoli, +10 alla Juventus, +12 all’Atalanta e +13 alla Lazio. Vuoi davvero convincermi a firmare adesso per un semplice ritorno in Champions? Mi dispiace, le petizioni lo fanno da soli. Questa squadra può rimanere lì fino alla fine, comunicare con i proprietari e aiutare con il mercato. A proposito, il club è in attività da giorni e giorni perché a gennaio sono in programma 7 partite, solo 4 nelle prime due settimane tra campionato e Coppa Italia.

Dopo la gioia travolgente di mercoledì sera, vorrei scrivere un editoriale di 24 pagine, e invece fermarmi qui a pensare a quanto poco siamo riusciti a rallegrarci di questi dannati 20. Al Milan dobbiamo molto: continuiamo così. Dobbiamo molto a chi sa combattere la sfortuna, la debolezza e l’ingiustizia: penso a Mauro Bellogi, Renault Gattuso e Chico Forte. Questi sono gli uomini di cui la Terra ha bisogno nel 2021 e nel futuro. La loro grandezza di fronte al destino, nella loro tenacia, nell’esempio che ci danno, dobbiamo cercare e trovare il senso di una vita complessa e difficile per tutti. Con i volti di Mauro Reno e Chico, vi auguro di cuore un buon Natale e, in tutta sincerità, il 2021 è diverso e migliore.

READ  La Camera aderisce alla Legge sulla Difesa - Corriere.it

Written By
More from Arzu

“Gli ospedali crollano in due settimane”

“I numeri sono quelli. C’è un rallentamento dei ricoveri, ma non impedisce...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *