Insigne tira i supplementari, Baka riceve l’unico goal ball

Ospina 6 – Non si assume alcuna responsabilità per il gol di Ronaldo, che approfitta del ritorno di Bakayoku in due passaggi. Buon repellente in linea, ma il fuorigioco potrebbe essere stato riconosciuto in VAR. Poche versioni, insidie ​​su CR7 e poche altre.

Di Lorenzo 6 – Non è un gioco facile, visto che devi affrontare la chiesa in questo aspetto e anche il Ronaldo in continua espansione. Limita bene i danni nonostante sia spesso lasciato in uno contro uno.

Manolas 5,5 Non ha falli sul gol, che derivano da un rimbalzo, gioca in diverse circostanze ma spesso piazza una toppa sulla porta. La svirgolata per poco costa un goal speciale, ma gli errori più comuni sono andare dove non ha la qualità della cassa.

Coulibaly 6.5 – Ha dovuto fare gli straordinari in uscita, costruendo un asse con Reina e Mario Rui che anche lui, grazie al campo disastroso, non fa mai un’uscita netta. Sul piano difensivo concede poco o nulla ed è sbarrato in più occasioni nella regione con acrobazie.

Mario Roy 6 – Viene coinvolto in un duello con Cuadrado che alla fine non vede alcun vincitore. Gestisce al meglio l’area, ma la catena con Insigne non corre (dall’85 ‘ Politano SV)

Demi 6 – Rispetto a Fabian assicura che dà più equilibrio, squalifiche e applicazione, ma anche meno qualità quando è necessario riavviare il movimento ed eludere la pressione della Juventus con il passaggio luminoso. Perfetto senza palla, con un passaggio di Wuzano e nient’altro (dall’85 ‘ Llorente sv)

Bakayoko 5 Il suo tocco è decisivo perché regala alla Juventus un vantaggio che fino a quel momento non aveva costruito nulla. Tanta fatica, ma poca o nulla quando c’è la ripresa del movimento (da 67 ‘ Diamante 5.5 – Non ha molto impatto, molto movimento ma ruota in tondo e non dà molta simmetria alla manovra)

READ  LIVE TJ - Crotone Juventus 1-1

Lozano 6 – Ha l’unica vera chance della partita, di testa perché aspetta Danilo, ma il portiere lo priva del vantaggio. Danilo è uno dei pochi in Italia che sono pronti a tenerlo a lungo, insomma si libera per qualche pallone in mezzo ma alla fine il rimbalzo non disturba la Juventus.

Zielinski 5,5 – Quando si accende, sconvolge molte azioni, ma con il passare dei minuti accade sempre di più. Estende sempre il movimento, ma il campo non permette grandi mosse veloci, un uomo lo segue e forse potrebbe almeno partire con il tiro.

Distintivo 5 – Sognava il secondo scudetto da capitano del centesimo gol in azzurro, ma finisce in lacrime. Un calcio di rigore che sarebbe stato di valore aggiunto in una partita molto equilibrata fallisce. Per il resto non convince perché ha difficoltà a far scorrere velocemente la palla su un campo disastroso per giocatori tecnici.

PETAGNA 5.5.5 – Non ha responsabilità specifiche perché ha pochi palloni giocabili e cerca di essere utile con le spalle al gol ma non riesce a sottrarsi alla pressione della Juventus (dal 72 ‘ Mertens 6 Non è al meglio, ma può anticipare in modo intelligente il suo avversario e vincere il calcio di rigore che valeva il tempo supplementare. Il Napoli ne ha bisogno)

Written By
More from Arzu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *