Infezione a Genova e Totti: “Il virus è penetrato in 4 province e da mercoledì in quelle zone sono state prese misure più restrittive”.

Controlli degli agenti comunali a Genova (foto Pambianchi)

Le regioni con il maggior numero di contagi fanno parte del centro storico, Sampdarena, Cornigliano e Rivarolo. Il presidente della regione: la nuova ondata di infortuni ha iniziato a fare pressione sui nostri ospedali

Genova – parte del centro storico di Genova e alcune regioni delle delegazioni Sampdarena, Cornigliano e Rivarolo: queste sono Quattro regioni di Genova hanno il più alto tasso di contagio Coronavirus, che rischia di essere interessato da domani, dal regime restrittivo in esame da Regione Liguria e Comune di Genova.

Lo ha annunciato stasera il presidente ligure Giovanni Totti in un video collegato dalla sede dell’Autorità di Roma per valutare l’emergenza Covid-19. Tra le misure che possono essere inserite nel decreto: Chiusura notturna dei distributori automatici self-service h.24, divieto di vendita di alcolici in alcune tipologie di negozi, divieto di raccolta In alcune zone delimitate dal Comune di Genova.

“E ‘stato confermato che il cluster dell’ASL 5 La Spezia è stato domato, mentre l’ASL 3 genovese è senza dubbio l’area dove il virus è penetrato e si sta espandendo molto velocemente – sottolinea Totti. I quasi trecento tamponi testati oggi dalla Commenda ci confermano positivi intorno al 10%, ovvero Il centro storico di Genova è uno dei luoghi dove il virus è più diffuso. Domani pomeriggio, con il sindaco Marco Pucci, prenderemo provvedimenti oltre a quelli presi dal governo in alcuni quartieri sensibili della città.

Intervenendo al consiglio comunale nel primo pomeriggio, Sindaco di Genova Marco PucciSi aspettava ciò che il governatore ha confermato più tardi nel tardo pomeriggio: “Valuteremo entro le prossime 24 ore se saranno adottate misure più restrittive di Come previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri»Confermando che i dati 8-9 persone positive ogni 10.000 residenti, registrate in alcune regioni Dalla città: “È una realtà inquietante”.

Totti: “Qualche pressione sugli ospedali”
Il Giovanni Totti, presidente della Regione LiguriaHa detto: “La nuova ondata di infortuni sta iniziando a esercitare una certa pressione sui nostri ospedali, tenendo presente che abbiamo a che fare con infortuni molto diversi. Anche oggi c’è”. Nuovi ricoveri e dimissioni dall’ospedale, Il numero di unità di terapia intensiva è ancora ampiamente sotto controllo, intorno alle 25 unità, quindi non c’è un’escalation a cui abbiamo assistito in grande stile in primavera.

in un Video pubblicato su Facebook“Il sistema sanitario si è preparato in tempo, e c’è un letto disponibile con tutte le difficoltà e con il numero crescente di infortuni”, ha detto Totti.

Ripete anche Totti Confusione sulle ultime misure adottate a livello nazionale: “Ancora una volta il governo ha voluto decidere tutto da solo e lo stesso per l’Italia tutta, che io considero non solo ingiusta, ma anche inutile e dannosa”; Ancora una volta: “Il governo è con Il nuovo Dpcm ha adottato le stesse misure in tutta ItaliaSenza tener conto delle specificità e delle differenze tra le regioni. Le province avevano chiesto un periodo di tempo per attività e cittadini per adeguarsi alle nuove misure del PSD, ma anche a questo Non abbiamo sentito».

READ  Il virus è fuori controllo. Fontana si sta preparando per un arresto completo
Written By
More from Arzu

Saluti in Campidoglio, folla e applausi a Villa Borghese

È il giorno dell’addio Gigi Proietti, Scomparso il 2 novembre, il suo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *