“Accanto alle nuove misure dell’economia, c’è un’ansia sociale e psicologica diffusa” – Corriere.it

Il momento drammatico che l’Italia e il mondo intero stanno vivendo non sta solo minando l’economia, ma anche le menti delle persone, come Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte Nel suo intervento all’Associazione FIPE. “E ‘chiaramente una fase difficile della nostra storia repubblicana – spiega Conte – ed è un momento molto complesso dal punto di vista economico e sociale. Prevalgono ansie sociali e anche psicologiche da parte di tanti cittadini e lavoratori economici. Dobbiamo tenerlo ben presente: più riusciamo a contenere il contagio. “Più veloce, più veloce è la nostra capacità di riguadagnare la fiducia necessaria per ricominciare. Stiamo premendo in un momento per contenere l’infezione”.

Parametri di sistema

E anche se la curva dell’infezione rallenta, l’attenzione deve rimanere alta. Le misure del governo funzionano come previsto con E 21 insegnanti donne Per determinare il livello di rischio. “Il sistema per standard consente interventi mirati e l’introduzione di misure restrittive limitate nel tempo e ben bilanciate sull’effettivo livello di rischio nelle regioni. In questo modo cerchiamo di contenere e ridurre l’infezione. Era necessario il serraggio e si evitava il bloccaggio generalizzato. “So che dopo aver adottato i protocolli di espulsione che hai così tanto rispettato, sei rimasto deluso dalle misure restrittive, ma penso che tutti ci rendiamo conto, dopo questa ondata di violenta e grave pandemia in tutta Europa, che i protocolli non erano sufficienti: eravamo tutti sopraffatti. È qui che è nata la necessità di nuove misure restrittive e restrizioni sociali “.

Risorse economiche

Certo, la situazione economica sta peggiorando, ma il primo ministro afferma che il governo sta lavorando su nuove risorse in breve tempo. L’impatto della pandemia richiede “un impegno finanziario che si prolunga nel tempo e sia maggiore di quanto realizzato finora”. Specifica: “Ci rendiamo conto che finora non è stato fatto abbastanza”. Quindi, vengono presi in considerazione nuovi incentivi. “L’affitto ai concessionari è un costo importante e pesante per chi lavora nelle zone più vulnerabili. Sono consapevole di quanto mi sento su questo argomento, spesso incontro molti singoli sostenitori di questa categoria. Dobbiamo pensare a schemi di incentivi fiscali senza penalizzare i proprietari di immobili “. E se gli acquisti in negozio diminuiscono, anche quelli sul web diminuiscono. “Credo che il cambiamento delle abitudini di vita dei cittadini possa derivare dal fatto che c’è un grande ricorso agli acquisti online: questo potrebbe ridefinire alcuni settori economici. Dobbiamo mantenere l’equilibrio del settore commerciale, altrimenti sarà difficile intervenire in seguito ”.

READ  Pagelle e punti salienti. Rogelic ammette di essere apparso, Ackerman vince la fase finale - OA Sport
Dialogo e cooperazione

“Mi auguro nei prossimi mesi che il governo e le associazioni imprenditoriali, come la vostra – afferma il Presidente del Consiglio – responsabili e cooperative, possano portare avanti il ​​confronto anche in un dibattito aperto, trasparente e continuo. “Attraverso il dialogo e la cooperazione, saremo in grado di rialzare la testa, per aprire la porta al futuro con fiducia e determinazione”. Con la consapevolezza “che ci sono nuove disuguaglianze e che ci sono gruppi che godono di maggiore tutela, e gruppi sociali che sono anche in grado di accumulare risparmi maggiori rispetto al passato, pensiamo ai funzionari pubblici. Ora dobbiamo resistere e fare molti sacrifici insieme. Siamo lì, pronti a fare diverse tabelle di confronto “.

Fondo di recupero

La chiave è un piano nazionale di ripresa e resilienza che sarà in grado di attingere alle enormi risorse di Fondo di recupero. “Anche in queste ore stiamo lavorando al budget plan: lo approveremo internamente e lo presenteremo a Bruxelles”.

18 novembre 2020 (modifica il 18 novembre 2020 | 13:58)

© Riproduzione riservata

Written By
More from Arzu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *